Di Matteo Grassi.

TATARUSANU: 5, non gioca dal febbraio scorso e si nota, errore grossolano su un calcio d’angolo di facile lettura che regala il pareggio ai giallorossi. Intuisce ma non arriva sul rigore, incolpevole sul terzo goal.

THEO HERNANDEZ: 6, bloccato bene dalla difesa giallorossa non riesce a fare le sue solite incursioni, difensivamente ordinato.

ROMAGNOLI: 5.5, si fa anticipate da Dzeko in virtù della prima rete giallorossa. Al 95’ ha un’opportunità enorme ,da posizione favorevole, per regalare la vittoria ai rossoneri, ma la fallisce mandando sul fondo.

 

KJEAR: 6.5, partita ordinatissima è il vero pilastro difensivo, sempre attento e non sbaglia nulla.

CALABRIA:7, vince il duello a distanza con Spinazzola, limitando praticamente sempre il terzino giallorosso, conferma l’ottimo periodo di forma.

BENNACER: 6, partita di sostanza per il mediano rossonero, sbaglia poco ma pecca di intraprendenza. Causa il rigore, molto dubbio, su Pedro. 

KESSIE: 6.5, ottima partita per il centrocampista ivoriano, sempre nel vivo del gioco. Gli viene negato il goal da un ottimo intervento di Mirante.

SAELEMAEKERS: 6.5, aiuta molto Calabria in fase difensiva e si rivela freddo nell’occasione dal 2-1. DAL 72’ KRUNIC: 5.5, ingresso anonimo gioca pochi palloni.

CALHANOGLU: 6.5, non doveva giocare per un problema alla caviglia, invece compie 95 minuti di spessore. Calcia angoli sempre insidiosi e si procura il rigore del momentaneo 3-2.

LEAO: 7.5 , partita di spessore, continua spina nel fianco per la retroguardia giallorossa. Delizia con dribbling e passaggi molto spesso precisi. Incanta e conclude la partita con 2 assist vincenti. DAL 72’ CASTILLEJO: 6, poco incisivo in attacco ma aiuta in difesa.

IBRAHIMOVIC: 7.5 , partita da fuoriclasse, da Ibrahimovic. Vince tutti i duelli aerei, fa salire la squadra e finalizza. Anche oggi l’ennesima doppietta, grande movimento nell’azione del primo goal e freddo in virtù del rigore. Macchia la sua prestazione svirgolando un angolo pressoché innocuo, facendo un assist a Kumbulla per il definitivo 3-3.

ALL. STEFANO PIOLI: 7, manda in campo un Milan ottimo in entrambi le fasi. La mentalità è quella giusta.

ROMA: 

MIRANTE: 7, certezza ormai per la Roma. Anche oggi è decisivo sul colpo di testa ravvicinato di Kessie. Incolpevole sui goal.

KARSDORP: 5.5, non gioca un cattivo primo tempo ma si perde Leao nell’occasione del primo goal, situazione analoga avviene nel secondo tempo in occasione del secondo goal. È bravo però nel limitare theo Hernandez. DAL 66 BRUNO PERES:5.5, confusionario, non si propone molto e rischia di fare un disastro con un tocco di mano in area di rigore, viene salvato da un fuorigioco.

KUMBULLA 6, inizio shock per il giovane centrale giallorosso che si perde Ibrahimovic nel primo goal. Viene spesso sovrastato dall’attaccante svedese ma salva la sua partita con il goal del pareggio, dimostrando una certa sintonia con la via della rete ,secondo goal consecutivo.

MANCINI: 6, ruolo inedito per lui al centro della difesa. Non sfigura, giocando una partita ordinata. Causa il rigore, molto dubbio anche questo, del momentaneo 2-1.

IBANEZ: 6, spesso troppo ruvido, ma è comprensibile vista  la sua giovane età. Solita grande personalità.

SPINAZZOLA: 5.5, Una brutta copia dello Spinazzola protagonista quest’anno.Perde sicuramente il duello a distanza con Calabria, il quale annulla tutte le sue azioni offensive. Difensivamente è ordinato.

PELLEGRINI: 7, una delle migliori uscite del “7” giallorosso che interpreta benissimo la partita e il suo ruolo. Difensivamente efficace e offre l’assist da angolo  per l’1-1 di Dzeko. DAL 76’ CRISTANTE: 6, entra bene in campo, sbagliando poco.

VERETOUT: 6, non è il solito mastino a centrocampo, oggi partita poco appariscente. Si dimostra freddo dagli 11 metri trasformando il rigore del 2-2. DAL 86’ VILLAR: SV

PEDRO: 6.5, crea gioco, è il fulcro delle azioni offensive della Roma, la sua duttilità e intraprendenza lo portano a essere una vera spina nel fianco per la retroguardia rossonera. Si procura il rigore del 2-2.

MKHITARYAN: 6, un po’ in ombra rispetto alle ultime partite, primo tempo molto timido per il talento armeno che però si riscatta,parzialmente, nel secondo tempo con varie incursioni pericolose. Si sacrifica molto difensivamente.

DZEKO: 6.5, partita di sofferenza, lotta con i centrali rossoneri e vince vari duelli aerei, il più importante sicuramente quello del goal dell’ 1-1.

FONSECA: 6.5, il suo lavoro si vede, porta a casa un buon pareggio e ottiene risposte positive dalla squadra, la quale sotto tre volte è riuscita sempre a recuperare la partita.

 

 

 

 

 

GIACOMELLI E VAR: 3, rischiano di rovinare una partita bellissima con due rigori francamente inesistenti. Con il supporto della Var questi errori sono inaccettabili.