Di Federico Manzi. Italia promossa a pieni voti. Azzurri che tornano dalla gelida trasferta di Sarajevo contro la Bosnia con tre punti pesantissimi in tasca confermando,così, il primato in classifica nel girone di Nations League,lasciandosi definitivamente alle spalle l’Olanda e la Polonia.

Partita fin da subito dominata dagli uomini di Roberto Mancini- non presente in panchina causa covid,al suo posto il vice Evani- che, dopo numerose occasioni, trova il gol al minuto 22 firmato Belotti, lanciato da un ispiratissimo Lorenzo Insigne ( migliore in campo). Azzurri che,dopo il vantaggio, non si scompongono e continuano a macinare gioco non sfruttando,però, a dovere le numerosi occasioni create. Il raddoppio arriva solo nella ripresa quando, al minuto 68, Berardi deposita in rete un bellissimo assist del compagno di squadra nel Sassuolo Locatelli. Italia che,grazie a questa vittoria, stacca il pass per le final four della competizione che si giocheranno proprio in Italia- tra Milano e Torino- ad Ottobre e nelle quali affronterà avversari ben più temibili come Francia, Spagna e Belgio.

Italia che,a tre anni esatti dalla disfatta firmata Ventura per la mancata qualificazione al Mondiale del 2018 in Brasile, sembra aver ritrovato quella serenità  e quello spirito di gioco che non si vedevano da anni. Grazie al mister Mancini,gli azzurri stanno pian piano tornando dell’élite del calcio mondiale . Il tecnico marchigiano è stato in grado di ricompattare un ambiente diviso e demoralizzato per la passata esperienza, mettendo in pratica un gioco di squadra dinamico,offensivo e capace di adottare un pressing alto sugli avversari per l’intera partita.

Nazionale giovane, in crescita e con ampi margini di miglioramento ma che,però, fa ben sperare per l’europeo in arrivo a Giugno. La partita contro i bosniaci è un’ulteriore conferma di quanto di buono si è visto nelle precedenti uscite contro Olanda e Polonia,senza dimenticare le 10 vittorie consecutive ottenute nelle qualificazioni agli europei. Avanti così Italia!