Di Francesco Di Stefano. Giorgia Meloni si può considerare come la nuova lady di ferro della politica italiana. Difatti la capogruppo di Fratelli d’Italia ha deciso di rimanere all’opposizione e di non entrare al governo. Nello stesso momento ha votato per il no alla formazione del nuovo governo Draghi. Una posizione presa con coraggio, che è stata apprezzata dalla maggior parte dei suoi elettori. Giorgia Meloni è rimasta coerente con la sua idea iniziale, senza snaturare la propria politica. Questa decisione denota una forte personalità e soprattutto una rinnovata coerenza del movimento Fratelli d’Italia, coerenza che è sotto gli occhi di tutti a prescindere dalle idee politiche di ogni cittadino. Nella politica di oggi, trovare una persona che porta avanti la sua idea nonostante la possibilità di entrare al governo, è un gesto ammirevole. Inseme a Giorgia Meloni, dobbiamo anche citare che all’opposizione c’è anche una frangia della sinistra italiana, con la figura di Fratoianni. La scelta più assurda è stata quella presa da Matteo Salvini e da Silvio Berlusconi, che si sono fatti forza anche loro con la parola più frequente in questi giorni in Parlamento, ossia: responsabilità. Sia la lega che Forza Italia avevano criticato il governo precedente e le scelte del governo, ora però pur di accaparrarsi le poltrone sono disposti a rimangiarsi tutto e a sostenere un governo Draghi che getterà le basi sulle scelte del governo precedente, esempio tema scuola. Di certo Giorgia Meloni uscirà da questa situazione più rafforzata, ma soprattutto più credibile agli occhi degli italiani. L’unica strada percorribile per la leader di Fratelli d’Italia è quella del voto, ed è quello di avere un governo compatto e coeso, di certo il nuovo governo non lo è. È stata la stessa Meloni a non capire la scelta fatta dal resto del centro-destra, visto che proprio loro erano quelli che dicevano, con i cinque stelle no e con il PD no. Però come ben sappiamo, quando la poltrona chiama……