Di Leonardo Ricciardi. Cristiano Ronaldo sale a quota 25 gol in campionato salvando i bianconeri a Udine. (1-2)

I bianconeri con tante difficolta riescono a salvarsi negli ultimi minuti di gara, ribaltando la situazione di svantaggio con l’uomo piu importante della rosa, Cristiano Ronaldo, che per gran parte della partita ha toccato pochi palloni la maggior parte li ha persi, proprio lui diventerà protagonista del match portando a casa una doppietta pesantissima per la situazione in classifica.

Si parte a Udine a sfidarsi sono Udinese e Juventus, dopo il pareggio dell’Atalanta e lo scomodo risultato per il Milan, per i bianconeri vincere questa partita è imperativo, se vogliono arrivare in zona Champions e salvarsi la faccia.

La Juventus riscontra da subito molti problemi in fase di gestione, il centrocampo sembra assente, la fascia sinistra su asse Alex Sandro, Bernardeschi ha gravi difficolta di lettura e di gestione del pallone, sarà proprio da quel lato che la squadra di casa si porterà in vantaggio, con un gol di Molina che approfitta della fase distratta dei bianconeri.

La Juve non sembra cambiare atteggiamento, poche volte arriva sulla trequarti avversaria, ma mai riesce a tirare sullo specchio della porta.

Inizia il secondo tempo la Juventus accusa ancora delle mancanze tecniche e fisiche di alcuni suoi giocatori, ma continuando a difendersi da un indemoniato De Paul che fa divertire tutti alla Dacia Arena, ma proprio lui porterà all’assegnazione del calcio di rigore per un tocco di mano, dove Ronaldo non sbaglia e spiazza il portiere dell’udinese.

La Juventus ora deve ripartire, mancano solo 10 minuti alla fine della gara e deve aggiudicarsi tre punti fondamentali per la situazione in classifica, Pirlo cambia assetto tattico e diventano 3 gli attaccanti con Rabiot e Bentancur a impostare, un’opzione vincente vista la dinamica del secondo gol, Rabiot serve un cioccolatino in area per CR7 che non sbaglia e spiazza ancora una volta Scuffet.

La Juventus porta a casa tre punti fondamentali ma con le solite difficolta inspiegabili, sono state diverse le partite in cui la rosa bianconera non è riuscita ad esaltarsi in partite relativamente semplici, e partite fondamentali, la presenza di Pirlo diventa sempre più un’incognita, visto il ritorno di Allegri a Torino, visto l’abbraccio di ieri con Cristiano Ronaldo.

Nelle prossime settimane la società dovrà dare delle spiegazioni e delle dichiarazioni sul futuro della rosa, per il momento non sta facendo trapelare nulla.

 

 

Le Pagelle

Szczesny 5,5: non di certo uno dei principali colpevoli, ma poteva fare di più sul tiro di Molina.

Danilo 6: un pilastro per la rosa, stabile in tutte le posizioni.

De Ligt 6: è lui a tenere in piedi la difesa che barcolla.

Bonucci 5,5: impreciso nell’impostazione, la grinta è arrivata dopo il gol.

Alex Sandro 4,5: in evidente affanno per 90 minuti, sbaglia tutto.

Cuadrado 6: non la sua miglior partita, ma il guizzo è il suo.

Bentancur 6,5: solido per 90 minuti, limita i danni.

McKennie 5: una gara sottotono, molto male anche lui sotto l’aspetto “concentrazione”, non fa nulla di buono perde tanti palloni.

Bernardeschi 4,5: in evidente ritardo di condizione, non fa passare un cross in area, si perde la palla da solo piu volte.

Dybala 5: non riesce anche lui a fare nulla di buono, assente sul campo, assente in attacco, ma soprattutto assente in difesa sul gol di Molina.

Ronaldo 7: assente per 83 minuti di gioco, ma quando decide di vincere lui vince, doppietta fondamentale per lui e per la squadra, il miglior marcatore della serie A nessuno come lui, ritrova il sorriso dopo 4 lunghissime giornate.

 

Pirlo 5,5: male sempre sotto l’aspetto motivazionale, bene però questa volta con i cambi, anche la fortuna non guasta.